I protestanti e l'ecumenismo - Chiesa Cristiana Evangelica Battista

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I protestanti e l'ecumenismo

Ecumenismo

Appello ecumenico per una giornata del dialogo cristiano-islamico


"Noi, cristiane e cristiani di diverse confessioni e laici, impegnati da anni nel faticoso cammino del dialogo coi musulmani italiani o in un lavoro culturale sull'islam, crediamo che l'orrendo attentato di New York e Washington costituisca una sfida non solo contro l'occidente ma anche contro quell'islam, largamente maggioritario in tutto il mondo, che si fonda sui valori della pace, della giustizia e della convivenza civile. Pensiamo che quanto è accaduto non debba in alcun modo mettere in discussione o rallentare l'itinerario del dialogo. Anzi, riteniamo … ( continua a leggere )



La critica radicale delle Chiese evangeliche alla " Dominus Jesus "


DOMINUS JESUS/1.  
"NESSUNO E' GESTORE DELLA GRAZIA: SOLO CRITERIO DI SALVEZZA E' L'AMORE"
Il commento del moderatore della Tavola valdese Genre: "Solidali con i cattolici non allineati" Roma (NEV), 6 settembre 2000 - A seguito della diffusione della dichiarazione vaticana Dominus Jesus, circa l'unicita'e l'universalita' salvifica di Gesu' Cristo e della fede (Congregazione per la dottrina della fede, 6 agosto 2000, resa nota il 5 settembre), si moltiplicano dal mondo protestante italiano le reazioni ed i commenti. Pubblichiamo di seguito una dichiarazione rilasciata oggi all'agenzia NEV dal neo-eletto moderatore della Tavola valdese, il pastore Gianni Genre: "Come protestanti italiani - afferma il pastore Genre - siamo sbalorditi e addolorati per le affermazioni contenute nel documento vaticano Dominus Jesus a proposito dei rapporti fra la chiesa cattolica e le cosiddette chiese sorelle. Soprattutto siamo … (
continua a leggere)




Il pastore valdese Paolo Ricca sul dopo-Harare -

Una conferenza a Milano

Il pastore valdese Paolo Ricca invitato dal S.A.E. ( Segretariato Attività Ecumeniche) ha tenuto il 31 maggio a Milano una conferenza presso i gesuiti di S. Fedele dei Gesuiti su "Dopo l'Assemblea di Harare". … (continua a leggere)





Gli evangelici rilanciano l'ecumenismo

Lettera aperta della Federazione delle Chiese evangeliche, gennaio 2001

Care sorelle e cari fratelli,
all'indomani della chiusura dell'Anno Santo, e in vista della Settimana di preghiera per l'unita' dei cristiani (18-25 gennaio), avvertiamo l'esigenza di riprendere il discorso sull'impegno ecumenico delle nostre chiese, manifestando la nostra volonta' di "riaprire la porta" dell'ecumenismo dopo un anno giubilare segnato da molte ombre. Questa volonta' e' gia' stata … (
continua a leggere)



LE CHIESE E L'ACCOGLIENZA


Documento dei protestanti italiani (a proposito delle dichiarazioni del Card.Biffi )


Il documento che presentiamo e' stato elaborato dalla Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) e concordato con le Assemblee di Dio in Italia (ADI), l'Unione italiana delle chiese cristiane avventiste del settimo giorno (UICCA), la Federazione chiese pentecostali (FCP).  


"Ci sara' una stessa legge per voi e per lo straniero che soggiorna tra voi" (Numeri 15,16) (
continua a leggere)




AMAREZZA DELLA CONFERENZA DELLE CHIESE EUROPEE PER L'"ECCLESIA IN EUROPA" DEL PAPA

Il segretario generale Clements: "stupore per la mancata menzione della Carta Ecumenica"

Roma (NEV), 10 settembre 2003 - In una lettera indirizzata al cardinale Walter Kasper, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, il pastore Keith Clements, segretario generale della Conferenza delle chiese europee (KEK), esprime stupore per il tenore in cui viene affrontato il tema dell'ecumenismo nella recente Esortazione apostolica di Giovanni Paolo II intitolata "Ecclesia in Europa". Nella lettera, inviata alla fine del mese scorso, Clements chiede di … (continua a leggere)



PAPA BENEDETTO XVI UN ANNO DOPO. UN COMMENTO PROTESTANTE


di Maria Bonafede, moderatora della Tavola valdese


Un pontificato si valuta alla sua conclusione e non al suo inizio. E di papa Ratzinger abbiamo visto solo i primi passi. Come protestanti possiamo soltanto registrare che ha parlato molto il papa "pastore" e poco il papa "teologo" conosciuto negli anni in cui reggeva il Dicastero vaticano per la dottrina della fede. Ma oggi il cammino ecumenico ha bisogno soprattutto di una riflessione teologica: le differenze tra le chiese - in primo luogo quelle tra cattolici, protestanti ed ortodossi - non sono uno spiacevole accidente della storia. Non sono neanche alle nostre spalle. Le differenze esprimono … (continua a leggere)


Ecumenismo.
Il protestante De Clermont scrive su "L'Osservatore Romano"


Accelerazione e difficoltà dopo la terza Assemblea ecumenica europea.
Roma (NEV), 28 novembre 2007 - Jean-Arnold De Clermont, pastore riformato e presidente della Conferenza delle chiese europee (KEK) - organismo che riunisce le chiese protestanti, anglicane e ortodosse del vecchio continente - dalla prima pagina de "L'Osservatore Romano" lancia una sfida e osa una "domanda radicale": perché non "cominciare a lavorare ad un'unica struttura ecumenica europea"? Nella sua riflessione intitolata "L'assemblea di Sibiu ha smentito lo stallo ecumenico", pubblicata sul quotidiano del papa alla vigilia del concistoro vaticano, De Clermont, dicendosi incoraggiato... (
continua a leggere)

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu