I battisti la loro storia - Chiesa Cristiana Evangelica Battista

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I battisti la loro storia

Storia

Abbiamo volato in aria come gli uccelli e nuotato il mare come i pesci, ma non abbiamo imparato il semplice atto di camminare la terra come fratelli e sorelle.
(Martin Luther King, pastore battista, profeta della non violenza e della lotta contro la segregazione dei neri in america e nel mondo. )


Chi sono i battisti?

All’interno della grande famiglia delle chiese cristiane riformate c’è anche la chiesa battista, spesso conosciuta come la comunità dove si cantano i “Gospel”. È vero infatti che i battisti d’America hanno sviluppato un canto che esprime il dolore e la speranza di chi, pur vivendo nella difficoltà e nel dolore di questa vita, non ha smesso di desiderare un mondo migliore, in cui godere la felicità di una vita vissuta interamente alla presenza di Dio.

Cosa vuol dire questo nome?

Il nome del movimento battista deriva dalla pratica neotestamentaria di battezzare coloro che hanno fatto una personale confessione di fede nel Signore Gesù Cristo.I battisti, insieme ai mennoniti e ad altri anabattisti fanno parte di un movimento spirituale per il rinnovamento e separazione tra stato e chiesa, il battesimo ai credenti e un impegno consapevole alla fede personale in Cristo.

Quanti sono i battisti nel mondo?

Oggi i battisti nel mondo sono circa 40 milioni con una popolazione complessiva di circa 100 milioni di persone. Sono fortemente presenti negli USA, in Brasile, in India e in Gran Bretagna. In Italia la chiesa battista è chiaramente una chiesa di minoranza con una popolazione di circa 20.000 persone.

Quali sono le origini dei battisti?

Le prime chiese battiste sono sorte nel secolo XVII, all’interno della riforma protestante di tipo calvinista, raccogliendo l’eredità ideale degli anabattisti del secolo XVI.A differenza di altre chiese protestanti i battisti non si raccolsero intorno all’opera di eminenti teologi, furono piuttosto un movimento popolare formato da chiese di laici che si confrontano direttamente con la bibbia, maturano un impegno civile che si esprime nelle rivoluzioni inglese e Nord Americana, nelle lotte per la libertà religiosa e per la separazione tra stato e chiesa.

In cosa credono i battisti?

In comune con i cristiani di tutto il mondo, i battisti si attengono alla fede apostolica come è espressa nel credo apostolico.Gli uomini e le donne che formano le chiese battiste sono credenti in Dio che imparano a conoscere ed amare tramite Gesù il Cristo, suo figlio.Per ogni credente battista Gesù Cristo è in primo luogo il Salvatore. È lui che ci salva dal peccato e ci avvicina a Dio. Grazie al Cristo possiamo vivere nella speranza, anzi, nella certezza della salvezza concessa a noi per grazia, non certo per i nostri meriti.Gesù è il nostro signore e maestro, ci guida ed illumina con la sua vita ed i suoi insegnamenti che apprendiamo prima di tutto dall’ascolto dell’annuncio di coloro che ci hanno preceduto nella fede, ma anche attraverso un’esperienza personale che ognuno deve fare con il Cristo.

Perché i battisti non battezzano i neonati?

La fede è un dono di Dio, tuttavia per rispondere alla chiamata bisogna essere pienamente consapevoli. Ecco perché i battisti non battezzano i bambini. Ognuno è responsabile davanti a Dio della propria fede. Si diventa parte della chiesa quando si risponde liberamente e spontaneamente a Dio mediante il battesimo dei credenti, amministrato per immersione. Ogni credente è un sacerdote senza alcun intermediario se non Cristo stesso.

Come si svolge un culto battista?

Le chiese battiste si radunano intorno alla Parola che occupa il centro della celebrazione il cui scopo è l’ascolto e la risposta ad essa. La liturgia è spontanea, articolata in un ordine del culto dove si inseriscono testi liturgici, inni e preghiere libere scelti dalla comunità.La sacralità del culto non è data dal luogo, quanto dall’assemblea riunita nel nome di Dio Trino. All’interno della sala di culto gli elementi visibili sono: il pulpito, il tavolo della santa cena, il battistero e la croce.

Come sono collegate in Italia le chiese battiste tra loro?

Le chiese battiste in Italia sono raggruppate in associazioni regionali e nell’unione nazionale. Ogni chiesa è autonoma e governa se stessa in ciò che attiene al culto, alla predicazione e alla missione. L’unione nazionale ha competenze di carattere organizzativo, amministrativo e di programmazione. L’organo supremo è l’assemblea nazionale delle chiese che si raduna ogni due anni.

Come sono organizzate localmente le chiese battiste?

Le chiese hanno come organo supremo l’assemblea locale composta da tutti i credenti battezzati. L’assemblea nomina i pastori e pastore, i ministri e ministre e i responsabili incaricati delle varie attività. Normalmente le chiese nominano un consiglio di chiesa che si occupa delle questioni amministrative. Alcune chiese hanno una struttura pienamente assembleare di governo.        












La fede


Io credo, sebbene tutto ti nasconda alla mia vista
Io credo, sebbene ogni cosa mi gridi di no
Io credo, sebbene pare che tutto muoia
Io credo, sebbene pare che l’ingiustizia trionfi
Io credo perché ho fondato la mia vita su una parola sincera
Sulla parola di un amico, sulla parola di Dio.

Io credo, pur sentendomi solo nel dolore
Io credo, pur vedendo gente che odia
Io credo, pur vedendo bambini che piangono
Perché ho imparato con certezza
che Dio ci viene incontro nei momenti più duri
con il suo amore e la sua luce
Io credo, pur essendo difficile credere.
Signore, aiutami ad avere fiducia in te.
Amen


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu